Il progetto tratta del senso di soffocamento ed impotenza che ha colpito i giovani e non solo, nel periodo pandemico.

“Mi sento come in una bolla, non riesco a vedere una via d’uscita. Nessuna luce, aspetto.”

I protagonisti delle  immagini sono oggetti che richiamano la natura e gli scarti del mare come: Una gabbia, sassi ed una luce dei pescatori.

Il progetto fotografico ” Paralisi del Sonno ” è stato realizzato da Mattia De Nittis in collaborazione con la scuola di giornalismo Luiss, accompagnato dall’articolo di Natasha Caragnano.

Foto Di Mattia De Nittis